Chi fa palestra può mangiare sushi?

Chi fa palestra può mangiare sushi?

Chiunque desideri stare in forma sottoponendosi all’esercizio fisico si pone la fatidica domanda: chi fa palestra può mangiare sushi.

Il sushi è da considerarsi un pasto sano per mettersi subito in forma, soprattutto tra gli amanti della cucina tradizionale giapponese.

Il cibo orientale, una vera e propria tendenza in tutto il mondo, è un alimentazione molto salutare, grazie ai suoi benefici per la linea e la salute.

La dieta sushi è un ottimo alleato della linea, grazie alla combinazione del pesce, riso e verdure, rivelandosi una buona fonte di proteine magre.

Perciò chi fa palestra può mangiare sushi, grazie ai suoi ingredienti, pochi e semplici, che lo rendono una valida alternativa per un’alimentazione corretta.

Considerato anche dai nutrizionisti un pasto sano ed equilibrato, la dieta giapponese è riuscita a sconfiggere anche quella mediterranea.

Naturalmente bisogna porre particolare attenzione agli extra, al fritto ed alle salse, che possono incidere nella linea.

I 4 principali ingredienti del sushi

I 4 principali ingredienti del sushi lo trasformano in una scelta nutriente per chi vuole restare in forma.

Naturalmente anche chi fa palestra può mangiare sushi, diventando il connubio perfetto per chi desidera perdere peso.

Ogni tipologia di sushi si rivela la soluzione migliore per chiunque desidera mantenere uno stile nutritivo sano ed equilibrato.

Il menu di un ristorante sushi a Milano comprende una vasta gamma di opzioni e la maggior parte di essi è composta da quattro ingredienti di base.

La combinazione di quattro elementi come riso, pesce, alghe e verdure, apporta diversi nutrienti alla dieta di chi frequenta regolarmente la palestra.

I 4 principali ingredienti del sushi per dimagrire ed avere uno stile di vita sano sono le seguenti:

  • il riso, ricco di fibre
  • il pesce, fonte eccezionale di proteine e di grassi sani omega 3
  • le alghe, ricche di fibre e vitamine
  • le verdure con alte proprietà di fibre, vitamine, minerali e antiossidanti

Il riso del sushi

Il riso del sushi è un’eccellente fonte di fibre ed è importante scegliere le varietà più adatte per una preparazione tipicamente giapponese.

Spesso il sushi contiene un riso bianco a chicco corto che è ricco di carboidrati.

Bisogna scegliere la giusta tipologia di riso, utilizzare gli strumenti tipici e rispettare tempi e dosi precise.

Poiché l’apporto di carboidrati è abbastanza limitato e proviene essenzialmente dal riso, un alimento benefico e leggero, si può sostenere che il sushi è dietetico.

Il riso oltre ad essere molto digeribile, contiene molto amido e durante la cottura assorbe notevoli quantità di acqua, fino a triplicare il proprio peso.

Per questo motivo il riso cotto è un alimento meno calorico e viene considerato uno degli alimenti con un’alta presenza di fibre e potassio.

Una delle varianti più apprezzate per chi fa palestra è il sushi vegetariano e quello senza glutine, molto diffuso nei ristoranti per celiaci a Milano.

Le particolari tecniche di preparazione del riso per il sushi, se non eseguite con precisione possono cambiare il gusto e la consistenza del sushi.

Il pesce

Il pesce del sushi è una buona fonte di proteine e di grassi sani omega 3, due ingredienti che contribuiscono al controllo della fame.

Le proteine sono necessarie per la crescita e la riparazione dei muscoli, soprattutto dopo varie ore trascorse in palestra.

Mentre i grassi sani si sono dimostrati benefici per la salute del cervello e del cuore e alte proprietà antinfiammatorie.

La preparazione del sushi è un’arte così delicata, che richiede una meticolosa manipolazione delle mani esperte di uno chef esperto.

L’importanza di saper scegliere il pesce giusto, fresco e di ottima qualità, oltre alle rigide regole di igiene, sono la base di un buon sushi.

Cosa dire poi del pesce, il fatto che questo venga consumato crudo, lo rende un alimento leggero e con alti valori nutrizionali.

I piatti sushi sono ricchi di proteine e di grassi utili alla salute con un apporto calorico decisamente basso, e non si può dire che il sushi ingrassa.

Le alghe

La maggior parte dei rotoli di sushi include le alghe, un vegetale marino davvero ricco di sostanze nutritive, tra cui:

  • fibre per mantenere regolare il sistema digestivo
  • calcio per mantenere le ossa forti
  • vitamina E per prevenire le infiammazioni e rafforzare il sistema immunitario
  • vitamina K per la salute delle ossa
  • vitamine del gruppo B, che giocano un ruolo chiave nel mantenere l’energia e nell’aiutare il corpo a produrre globuli rossi e portano ossigeno ai muscoli

Per avvolgere gli ingredienti del sushi, viene usata un’alga che si chiama nori, lievemente iodata e che viene tostata prima di essere usata in cucina.

Una delle alghe ricche di potassio, fibre, vitamina C, D e B6 e 100 g di questa alga contengono solo 35 calorie.

L’alga nori contiene poco sodi e si rivela come una fonte elevata di ferro e magnesio, alleati del benessere fisico e mentale.

Il sushi è diventato la scelta quotidiana per un aperitivo a Milano oppure una cena, grazie alle potenti proprietà nutritive ed alla sua semplicità e raffinatezza.

Senza dimenticare il sushi gluten free, il miglior alleato anche per chi desidera avere uno stile di vita sano e salutare.

Naturalmente il sushi è dietetico in quanto un cibo salutare ed equilibrato, grazie all’utilizzo di prodotti freschi e di qualità.

Le verdure

L’aggiunta di verdure ad un rotolo di sushi sono fonte di fibre, vitamine, minerali e antiossidanti, oltre a renderlo ancora più saporito e leggero.

Il sushi vegetariano è diventato una ricerca della qualità, della raffinatezza e del gusto, nonché un simbolo della cultura e della cucina nipponica.

Seppur in varie forme, il sushi con verdure è diventato il piatto più apprezzato al mondo mantiene un fascino intramontabile.

Il legame tra sushi e dieta sono tali da renderlo un vero e proprio toccasana per la salute, motivo per cui i giapponesi sono tra i più longevi da secoli.

Il sushi può essere consumato anche da chi fa palestra, purché si faccia attenzione alle quantità ed alle pietanze con cui si abbina a tavola.

Le verdure del sushi apportano poco calorie e possono essere contestualizzato in qualunque regime alimentare.

Inoltre il colesterolo è assente, mentre le fibre sono contenute in quantità più che soddisfacenti, soprattutto nel sushi senza pesce.

Sushi&Sound regala un viaggio culinario unico a chiunque desideri assaporare la versione autentica della tradizione giapponese intrecciata con i gusti occidentali.

it_ITItaliano
Accedi